Cantine Settesoli – Mandrarossa
Sicilia

I microterroir Mandrarossa

Sessant’anni di storia, 6 mila ettari di vigneti suddivisi tra circa 2 mila viticoltori: è questa la bellissima realtà di Cantine Settesoli, le cui etichette arrivano in oltre 40 Paesi del mondo portando una ventata di sicilianità. Uno sviluppo rivolto alla ricerca agronomica ed enologica che sfocia, vent’anni fa, nella creazione di Mandrarossa, la linea di alta qualità dedicata al canale Horeca. La ricerca porta, nel 2014, a varare il progetto “Vini di Contrada”, condotto dall’enologo toscano Alberto Antonini e dall’esperto cileno di suoli Pedro Parra insieme allo staff interno all’azienda. I microterroir Mandrarossa, da cui nascono questi vini, sono stati selezionati in base ai terreni calcarei posti in diverse aree del territorio menfitano. I 37 soci conferenti che fanno parte del progetto hanno l’obbligo di seguire le linee guida dettate dallo staff di agronomi aziendali e dai due consulenti Antonini e Parra. I vini che ne nascono sono la migliore espressione del territorio vitivinicolo della Sicilia sudoccidentale; la loro produzione, di poche decine di migliaia di bottiglie, è estremamente limitata. I primi Vini di Contrada usciti sul mercato sono due: il bianco Bertolino Soprano Sicilia Doc e il rosso Terre del Sommacco Sicilia Doc. www.cantinesettesoli.it www.mandrarossa.it
Cantine Settesoli – Mandrarossa
Roberta Urso, responsabile pr e comunicazione

Mandrarossa Urra di Mare Sicilia Doc 2018
I vigneti sorgono a ridosso della riserva naturale del fiume Belìce, con impianti che digradano fino al mare, godendo di fresche brezze marine. Un Sauvignon blanc 100% fresco e persistente


Mandrarossa Bertolino Soprano, Sicilia Bianco Doc 2017
Da uve Grillo 100% prodotte da un singolo vigneto localizzato in contrada Bertolino Soprano, raccolte a mano ad agosto 2017. Floreale, agrumato, erbaceo sul finale, esprime la personalità del terroir


Mandrarossa Terre del Sommacco, Sicilia Rosso Doc 2016
È prodotto da uve Nero d’Avola 100% da due vigneti coltivati su suoli calcarei in contrada Miccina. L’affinamento in rovere di Slavonia rende questo vino avvolgente, vellutato e complesso nei profumi